copertina

E' finalmente uscito il libro per ragazzi dedicato al Convento di Monterosso.
Sì, perchè parte dal Convento e dalla sua storia, ma è un racconto adatto a tutti che tocca i valori più belli, dall'amicizia alla soldarietà, all'attenzione agli animali e al creato, all'amore per i libri. Un viaggio in un luogo un po' sconosciuto ai più e per questo ancora più affascinante. Insomma una lettura adatta a tutti, ai bambini ma anche agli adulti.


ECCO I DIVERSI MODI PER POTER ACQUISTARE IL LIBRO
:

1. Direttamente al Convento dei Cappuccini di Monterosso al Mare

2. Può essere richiesto in tutte le librerie

3. Può essere acquistato on line ai seguenti link:

Sito del Messaggero di Sant'Antonio
http://www.edizionimessaggero.it/ita/catalogo/scheda.asp?ISBN=978-88-250-4830-8

Sito di Velar
https://www.velar.it/libro/fra-terra-e-cielo/

pdfPresentazione_Fra_terra_e_cielo.pdf

 

 

 FRA TERRA E CIELO

Un luogo fantastico alle Cinque Terre

Testi di Rosangela Percoco 

Illustrazioni di Roberto Lauciello e Maurilio Tavormina
Presentazione di Dario Vergassola
Edizioni Velar, Messaggero di Sant’Antonio, 2018

pagina 1 pagina 2 pagina 3

"Quando intravede un tipo in cima a un pendio intento ad accarezzare un lupo, Francesco intuisce che quest’anno le vacanze non saranno come tutte le altre. Quella che vede è una statua, è vero, la statua di san Francesco, eppure sembra che stia parlando e gli dica “guarda… è lì… sì è lì che devi andare!”. E “lì” è il Convento dei frati cappuccini di Monterosso. Pochi giorni, quelli trascorsi a Monterosso, che apriranno il cuore di Francesco a piccoli ma meravigliosi segreti e lo porteranno a riflettere su alcuni importanti valori della vita".

Francesco è solito passare le vacanze in luoghi esotici; quest’anno il padre decide di trascorrere l’estate a Monterosso alle Cinque Terre dove i nonni hanno una casa da molto tempo. Al Convento dei Frati Cappuccini, edificio storico e artistico che sta lassù in alto fra terra e cielo e domina tutto il promontorio di Monterosso si stanno festeggiando i 400 anni dalla sua fondazione e la famiglia di Francesco decide di salire insieme ai figli per qualche giorno approfittando dell’ospitalità dei frati. Francesco è un bambino curioso e vivace e incline a capire il perché delle cose; fin dall’arrivo e dal primo incontro con questi uomini vestiti di marrone comincia a capire che nel luogo c’è qualcosa di inconsueto. Più passa il tempo e più Francesco sembra incalzare di domande fra Taddeo - un frate dinamico e dall’aspetto molto diverso da quello che ci si aspetterebbe di vedere - e che piano piano lo accompagna a scoprire i segreti del Convento. Un luogo che non è un ambiente ipertecnologico o dagli aspetti incantati, ma proprio nella sua semplicità, nella sua storia, nelle “strane” storie che racconta non fa che accendere e alimentare la fantasia di Francesco e fargli riscoprire il fascino e il mistero delle cose più semplici. Come si può dormire in una cella? O mangiare in un refettorio o ricevere ospitalità in una stanza chiamata scaldatoio? Ma quali animali vicini a San Francesco abitano in questo posto che assomiglia a una nave in mezzo al mare? Un luogo inconsueto che aprirà il cuore di Francesco a piccoli ma meravigliosi segreti e lo porterà a riflettere su alcuni importanti valori della vita. Quando tornerà a scuola e scriverà il solito tema sulle vacanze, lui e il suo tema saranno molto, ma molto più ricchi.



test00

test

test2

test0