croce


Il giorno 20 febbraio 1618 fu posta la croce sul colle di San Cristoforo, un meraviglioso promontorio sospeso fra terra e cielo, nel punto in cui sarebbe sorto il Convento dei Frati Cappuccini di Monterosso al Mare. Il terreno fu donato ai francescani affinché, con la loro presenza, potessero portare pace fra le fazioni presenti nel piccolo borgo di pescatori. Posta nell’ottobre del 1619 la prima pietra dell’edificio, furono necessari alcuni anni per portare a termine l'intero complesso che si è conservato per buona parte intatto finì ai nostri giorni e ancora domina sul meraviglioso paesaggio delle Cinque Terre e offre una indimenticabile esperienza spirituale e emotiva a chiunque lo venga a visitare. Il luogo tuttavia è anche uno scrigno artistico e culturale ed una memoria fondamentale di storia e tradizioni per la comunità delle Cinque Terre.

Nel periodo 2018-2019 ricorrono pertanto i 400 anni dalla fondazione di questo luogo di pace, bellezza e spiritualità che da molti anni porta avanti un preciso progetto spirituale, culturale e di accoglienza e rappresenta una contemporanea e concreta attuale interpretazione della lode al creato così intrinsecamente radicata negli insegnamenti di San Francesco.

Il Convento di Monterosso è stato votato nel 2014 come primo luogo in Italia nel censimento "I luoghi del cuore" dei FAI ottenendo un numero di segnalazioni da tutto il mondo fino ad oggi mai raggiunto, a testimonianza di quanto sia amato da migliaia di persone.

 

Solennità della Madonna Immacolata
compatrona con San Francesco della Chiesa dei Frati Cappuccini

Monterosso al Mare
dal 5 al 9 dicembre 2018

LA MADONNA DI SOVIORE DISCENDE A MONTEROSSO
e
IL PRIMO PRESEPE VIVENTE ALLE CINQUE TERRE

presepevivIn occasione dei 400 anni dalla fondazione del Convento dei Frati Cappuccini di Monterosso al Mare sabato 8 dicembre 2018 si celebra la Festa della Madonna Immacolata - compatrona con San Francesco della Chiesa Convento - riportando l’antica tradizione di un tempo quando si saliva ai Cappuccini per la novena sia dal paese che dai monti dopo aver camminato tutta la notte. Per solennizzare l’occasione, la statua della Madonna del Santuario di Soviore sarà condotta dalle alture del Santuario fino a Monterosso, in via del tutto eccezionale, dapprima al Convento dei Cappuccini, poi lungo le vie del paese in festa per raggiungere la Parrocchia di San Giovanni Battista. La Madonna, molto venerata nel territorio, è patrona della Diocesi di La Spezia-Sarzana-Brugnato e si trova nel Santuario mariano più antico della Liguria.

Le celebrazioni saranno arricchite da un presepio vivente, allestito per la prima volta alle Cinque Terre nel suggestivo borgo antico di Monterosso, per ricordare una tradizione inaugurata proprio da San Francesco a Greccio la notte di Natale del 1223 e sempre tenuta in vita con il presepe allestito al Convento dei Cappuccini. Il suggestivo presepe, in uno dei borghi storici più pittoreschi, verrà rappresentato lungo la salita dell’Erta e lungo i Giri dei frati della Salita Cappuccini con rievocazioni dei vecchi mestieri, cibi della tradizione, allietati da musiche e canti. Sul piccolo e suggestivo piazzale della Chiesa dei Cappuccini ci sarà la rappresentazione della nascita di Gesù Bambino. 

test00

test

test2

test0